Obiettivo della Civica Galleria: La Scuola

In un mondo globalizzato, lo studio della storia è sempre più indipendente pr capire le origini delle civiltà e questo è il nostroobiettivo primario
Con la denominazione "Civica Galleria del Figurino Storico" si vuole appunto sottolineare la creazione di un vero centro museale, l'unico nelle marche, sulla base di un progetto condiviso tra l'Assessorato alla Cultura del Museo di Osimo, la Società Parko spa che gestisce il trasporto pubblico locale e l'associazione Tavola Rotonda, impostato sullo stile dei grandi musei come lo Stibbert di Firenze e quello di Calenzano dove il figurino storico viene utilizzato come strumento didattico e invito allo studio della storia.
Gli obiettivi della Civica Raccolta osimana sono i medesimi, ma una attenzione particolare è rivolta alle scuole, sopratutto elementari e medie, dove lo studio dei questa materia da parte dei bambini avviene spesso in mod mnemonico; ebbene l'utilizzo del figurino storico vuole essere uno strumento didattico integrativo del libro di scuola ed il nostro locale diventare una sorta di aula didattica dove i bambini si possono appassionare a questa disciplina

venerdì 21 aprile 2017

Presentazione degli Atti.

ISTITUTO DEL NASTRO AZZURRO
FRA COMBATTENTI DECORATI AL V.M.
Presidenza Nazionale
Centro Studi sul Valore Militare

                                                             
Giovedì 27 aprile 2017 ore 17
In occasione della Giornata del Decorato che si terrà ad Arezzo il 28-30 aprile 2017
Il Presidente Nazionale Gen. Carlo Maria Magnani
Ha l’onore di  invitare la S.V.
AL V INCONTRO CON L’AUTORE
Tommaso Gramiccia
Che presenterà il Volume
Comprendere la Grande Guerra
Dal Primo al Secondo anno di guerra 1915-1916
Atti del convegno in occasione della Giornata del Decorato
Salò 23-24 aprile 2016
Saranno presenti i Curatori, Massimo Coltrinari  e Giancarlo Ramaccia

ROMA
 Presidenza Nazionale Nastro Azzurro Sala Maggiore
Piazza Galeno 1 . V.le Regina Margherita

centrostudicesvam@istitutonastroazzurro.org


 Il Volume riporta anche un interessante studio di araldica sullo Stemma del Nastro Azzurro

martedì 7 marzo 2017

sabato 19 novembre 2016

.Convegno sui soldati pistoiesi e toscani nella Resistenza in Albania e Montenegro 1943-45


Pistoia - Sala Maggiore del Palazzo comunale - 17 ottobre 2015

Ringrazio gli organizzatori del convegno per avermi dato la possibilità di portare il saluto dell’Associazione Nazionale Veterani e Reduci Garibaldini e della sua presidente, la prof.ssa Annita Garibaldi Jallet, che ha sollecitato la partecipazione di una rappresentanza della sezione di Firenze  a questa iniziativa ritenuta molto significativa per far conoscere la vicenda della Divisione “Garibaldi” nel quadro della Resistenza dei militari italiani all’estero.
Dopo la giornata di studio dedicata, lo scorso anno, alla “scelta” all’8 settembre ’43, quella di quest’anno si concentra sugli eventi dell’inverno ‘43-44, il più duro che si ricordi dal punto di vista climatico e il più terribile per i combattimenti, il freddo, le sofferenze, le malattie patite dai nostri militari divenuti partigiani.

La nostra Associazione - le cui radici affondano nella Società di mutuo soccorso tra garibaldini del 1871 - e che con alterne vicende ha accompagnato la storia italiana sino alla rinascita del sodalizio nel 1944 su basi democratiche e antifasciste, ha accolto, dopo la fine della guerra, i reduci delle divisioni “Garibaldi” e “Italia” perché ritenuti dall’allora Ministero della Guerra i più autentici continuatori della tradizione garibaldina risorgimentale per aver combattuto volontariamente, per libera scelta, a fianco dell’Esercito popolare liberatore jugoslavo di Tito, ma senza alcuna ideologia di partito. La “Garibaldi” in particolare, formata dalla fusione della “Venezia” e di reparti della “Taurinense” ebbe la caratteristica veramente originale di essere parte dell’Esercito italiano e nello stesso tempo partigiana come modo di operare, non per pochi giorni o settimane ma per ben diciotto mesi, conservando le stellette e i gradi militari.

Di tutte le divisioni – ben tredici – dislocate nei Balcani che rivolsero le armi contro i tedeschi, la “Garibaldi” fu l’unica che rientrò in Italia vittoriosa ed in armi, decimata (8.500 le perdite su 20.000 effettivi all’8 settembre ‘43) ma ancora efficiente, la sola che non si era mai arresa.
Il coraggio di soldati e ufficiali caratterizzò la vicenda della “Garibaldi” il cui nome, imposto dai partigiani titini, ben si sposava con il carattere delle campagne garibaldine per la libertà dei popoli oppressi dell’Ottocento e del primo Novecento, in Italia e all’estero. Questo nome non piacque agli apparati militari italiani. C’era ostilità, diffidenza, fastidio per questi militari divenuti partigiani ed una delle conseguenze è stato il ritardo negli studi. Vi ha riparato la “Commissione sulla Resistenza dei militari italiani all’estero dopo l’8 settembre 1943” voluta dall’allora ministro liberale Valerio Zanone che ha prodotto, dopo accurate ricerche e indagini, numerosi volumi editi dalla Rivista Militare, due dei quali trattano della toscana “Venezia” e della piemontese “Taurinense” poi “Garibaldi”. Ora si conta un certo numero di libri, per cui la “Garibaldi” non è del tutto ignorata, ma è rimasta un po’ nell’ombra, mentre la sola divisione “Acqui” assurgeva a simbolo della Resistenza dei militari italiani all’estero.

Ben venga dunque questa occasione di approfondimento. Un grazie di cuore al gen. Massimo Coltrinari, allo storico Eric Gobetti, al Sindaco Samuele Bertinelli e alla prof.ssa Lia Tosi, ispiratrice di questa rassegna di incontri.
Da parte della nostra Associazione vi è un impegno forte alla conservazione della memoria della “Garibaldi” attraverso l’ordinamento delle carte d’archivio di cui dispone nella sede centrale romana di Porta S. Pancrazio (ricordo che quello, importantissimo, posseduto dal gen. Ravnich è finito in una fondazione svizzera di Casa Savoia e divenuto inaccessibile) e soprattutto attraverso il Museo di Asti, inaugurato lo scorso 2 giugno e destinato a raccogliere cimeli e documenti ed a far conoscere la storia della Divisione “Garibaldi”.
La nostra opera di divulgazione si realizza anche attraverso la rivista Camicia Rossa che pubblica memorie e racconti di guerra ed è allo stesso tempo notiziario associativo dell’ANVRG. La sua storia, a partire dalla pubblicazione del primo numero, nel lontano 1892, corre parallela a quella delle associazioni di reduci garibaldini o delle “patrie battaglie”  di cui è stata nel tempo espressione quale organo ufficiale di stampa. Vi si trovano, pertanto, insieme a saggi di carattere storico, dal Risorgimento alla Resistenza, ed a memorie e racconti di guerra, i resoconti associativi, le cronache di iniziative e manifestazioni.
Nel secondo fascicolo del 1992 di Camicia Rossa – distribuito in sala per questa occasione  -  numerose pagine e foto furono riservate alla inaugurazione del cippo dedicato alla “Garibaldi” a Pistoia, nell’area verde delle Fornaci, avvenuta nel 1992 grazie all’allora sindaco Marcello Bucci. La manifestazione vide la presenza di molte camicie rosse ed una mostra documentaria sulla Resistenza dei militari toscani all’estero. Perché Pistoia fu sede dell’83° Reggimento fanteria della divisione “Venezia” e perché oltre 200 pistoiesi, tra città e provincia, fecero parte della divisione “Garibaldi”. Tra questi non possiamo dimenticare il ten. veterinario Villy Pasquali Medaglia d’oro al VM eroicamente morto in combattimento nel novembre ’43 in Montenegro. Uno degli uomini che col sacrificio della vita contribuì alla liberazione dell’Europa dal nazi-fascismo.

Sergio Goretti, direttore di Camicia Rossa